Verifica Età

Sei maggiorenne?

Entrando in questo sito si accetta la nostra privacy policy

Per accedere al sito devi avere l'età minima per bere alcolici stabilita dalla legge della nazione in cui risiedi.

Mixology con Amaro del Tumusso

Amaro del Tumusso

Amari: la classificazione  

Secondo la legge italiana gli amari vengono classificati in base al tenore zuccherino e al rapporto amaro e aroma, pertanto si dividono in amarissimi, molto amari, aromatici, amari aromatici medi e amari molto aromatici.

amari

forti o amarissimi

Gli amari forti o amarissimi sono quelli che vengono bevuti prevalentemente dopo aver mangiato. Quelli che nell’uso comune vengono chiamati digestivi. Il gusto è decisamente amaro e non presenta nessuna nota dolce.

 La gradazione è superiore ai 40°.

Amari medi

Negli amari medi il sapore amaro è ben definito, con tendenza al secco. La gradazione è tra i 30° e i 36°.

leggeri

In quelli leggeri si nota una certa presenza di zucchero e un gusto tendente al dolce. Si possono classificare come blandi digestivi o anche come aperitivi.

 La gradazione alcolica va dai 16° ai 31°

 In questo gruppo troviamo i Rabarbari: liquori a bassa gradazione che utilizzano in particolare il rabarbaro, noto soprattutto come rabarbaro cinese. Questo è un tonico conosciuto da molto tempo non soltanto nell’Estremo Oriente, ma anche tra gli antichi romani. Il più noto è il Rabarbaro Zucca.

Sempre appartenenti a questo gruppo abbiamo le Chine. Il liquore alla china è tra i più antichi e si ottiene per infusione in alcool dolcificato della corteccia di china, assieme ad altre erbe aromatiche, oltre che al rabarbaro.

La china è un liquore invecchiato, che favorisce l’armonizzazione delle varie componenti. La conoscenza e l’uso della china passano attraverso la medicina: veniva anche chiamata  “polvere del Perù” e guariva la malaria.

La parola “kina” è di origine indoamericana e significa corteccia. L’albero della China proviene dalle Ande, può arrivare fino a 30 metri di altezza ed è sempreverde.

Amari dolci

Soltanto l’inventiva italiana poteva giungere alla creazione di amari dolci, un particolare retrogusto, tanto da poter dire che anche l’amaro è dolce o che il dolce migliora con un pizzico d’amaro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun prodotto nel carrello